Anoressia-bulimia

Anoressia e bulimia rappresentano la manifestazione visibile di una profonda sofferenza dell’animo. Non si tratta di semplici disturbi dell’appetito ma di un malessere interiore che sconvolge il rapporto col proprio corpo e col proprio mondo affettivo.

Tutto comincia a ruotare intorno al rifiuto o all’utilizzo compulsivo del cibo, all’ossessione per la forma del corpo, ai rituali per aggirare la fame e a quelli per liberarsi di ogni granello di cibo ingerito.

Accanto alle forme classiche, emergono una serie di nuovi disturbi alimentari, presenti in età sempre più precoce. Ortoressia (dipendenza esclusiva e minuziosa dai cibi “sani”), bigoressia (ossessione, principalmente maschile, per il corpo atletico e muscoloso) drunkoressia (digiuno protratto finalizzato all’assunzione sregolata di alcolici), sono i nomi nuovi che indicano lo stesso tipo di difficoltà ad accettare il proprio corpo e un altrettanto evidente alterazione del comportamento alimentare.

I disturbi alimentari se non curati o se diagnosticati tardivamente si cronicizzano gravemente e con grande facilità fino a compromettere, oltre al funzionamento del corpo, ogni forma di legame con l’Altro.

Rifiuto del cibo, dimagrimento, abbuffate, condotte di espulsione, abuso di alcool, rappresentano i sintomi più evidenti di una sofferenza psichica che affonda le radici nella storia del soggetto e delle sue relazioni interpersonali. I disturbi alimentari mettono a dura prova la vita familiare. Quando un genitore deve preoccuparsi? Quali sono i campanelli d’allarme? In che modo può essere aiutato? Il suo contributo è importante nel percorso verso la guarigione? È possibile incontrare una risposta a questi e ad altri interrogativi presso lo spazio di accoglienza riservato ai genitori in Jonas Onlus.

Cura dell'anoressia bulimia

I disturbi alimentari non riguardano semplicemente un rapporto disfunzionale con il cibo, ma essendo la spia di un problema legato alla storia individuale di ciascuno, non nascono da una causa unica e universale. Per questo la nostra attenzione non è rivolta a rettificare semplicemente il comportamento alimentare, ma ad un ascolto finalizzato a portare alla luce il nodo in cui il soggetto si è smarrito e intorno a cui ha costruito il suo disagio, coinvolgendo spesso in rapporti disfunzionali anche coloro che gli vivono accanto: la famiglia, il partner, la scuola, etc.

Mettere in parole questo disagio che abita la mente e si annida nel corpo, diventa importante per poter comprendere quali ne siano le cause e rendere efficace il percorso terapeutico.

In quest’ottica, Jonas Onlus pone attenzione alla particolarizzazione del trattamento. Dopo un ciclo di colloqui preliminari finalizzati all’inquadramento del problema è possibile accedere alla cura attraverso una psicoterapia individuale o di gruppo.

Trova la sede Jonas più vicino a te

AostaBariBergamoBolognaBresciaCataniaComoFirenzeGenovaIvreaLivornoMilanoMonza BrianzaPaviaPesaroPescaraRomaS.Benedetto del TrontoTorinoTrentoTriesteVareseVenetoVerona

pubblicazioni jonas 2015

corso di formazione jonas